Passa ai contenuti principali

La Madonna contesa

Piero di Benedetto de' Franceschi, comunemente noto come Piero della Francesca, aveva probabilmente una quarantina d’anni quando dipinse la Madonna del Parto per l’antica chiesa di Santa Maria Momentana ai piedi della collina di Monterchi, paesetto della Val Tiberina poco distante da Borgo Sansepolcro, suo luogo natale. Artista pienamente affermato e pressato da commissioni prestigiose per le più importanti corti rinascimentali italiane, era sempre rimasto legato alla sua terra e al suo paese d’origine, dove viveva la sua famiglia e dove esercitava cariche pubbliche nel consiglio comunale. Non meraviglia quindi che, forse dopo la morte della madre Francesca nel 1459, gli sia stato affidato l’incarico per l’affresco rappresentante una Madonna gravida affiancata da due angeli. Stabilire date certe per l’opera di Piero è tuttora un problema quasi insolubile, data la scarsità delle fonti documentali e i molti suoi lavori andati purtroppo distrutti; sappiamo però che nello stesso periodo era stato incaricato di dipingere il “Ciclo della vera Croce” per la chiesa di San Francesco ad Arezzo, che distava una giornata di cavallo da Monterchi. Probabilmente interruppe l’opera aretina e si recò in paese, dove in un paio di settimane il lavoro fu finito.
L’immagine della gravidanza della Vergine è piuttosto insolita nell’arte italiana. Il dogma di Maria genitrice e madre di Dio era stato sancito un millennio prima dal concilio di Efeso, ma la sua interpretazione figurativa era stata sempre collegata agli episodi dell’Annunciazione e della nascita di Gesù o semplicemente tradotta nell’effigie di Lei col Bambino in grembo. La gestazione, un fatto così umano e palpabile, non era facile da rappresentare senza evitare riferimenti alla sessualità e sottolineando in più che il concepimento era avvenuto senza l’intervento maschile, che la purezza di Maria era intatta e che la sua divinità la metteva al di sopra di ogni consuetudine terrena. Il tema della maternità miracolosa della Vergine aveva trovato posto nell’arte greco - bizantina nell’immagine della Platytera (ossia “più ampia”perché porta in seno la potenza del redentore), una figura con un medaglione sul petto al cui centro risplende l’infante divino. L’idea del corpo-involucro si era sviluppata nel medioevo europeo in forma scultorea nelle insolite e curiose raffigurazioni della Madonna con uno scomparto scavato nel ventre da cui spunta un piccolo Gesù. Ma a parte dogma e teologia, in un’epoca in cui mettere al mondo un figlio era una questione pericolosa era inevitabile che la Madre divina attirasse la devozione popolare nel suo ruolo di protettrice delle partorienti. In Toscana la rappresentazione della Madonna gravida – spesso con un libro in mano, simbolo del Verbo – si era diffusa nel medioevo: sul volume a volte è dipinto il primo verso del Magnificat, il cantico di ringraziamento che – nel Vangelo secondo Luca - Maria alza al cielo incontrando la cugina Elisabetta, incinta pure lei di Giovanni Battista.
Con Piero della Francesca il libro scompare, mentre la Vergine si manifesta sotto un sontuoso baldacchino che ricorda una tenda da campo ma anche un tabernacolo eucaristico, divina e umana al tempo stesso, piena di dignità e di mistero. Questa solida ragazza toscana vestita di azzurro, é messa leggermente di tre quarti per evidenziare la curva gonfia del ventre su cui lei posa la mano con grazia leggera in un gesto protettivo comune alle donne in attesa. Un capolavoro assoluto su cui i critici d’arte hanno già scritto tutto: chi la racconta come una “giovane montanina che venga sulla porta della carbonaia” (Longhi), alludendo al realismo quasi rustico della figura, chi ne paragona lo sguardo assorto all’arte buddhista (Kenneth Clark); chi la vede come una “Demetra cristiana” (Charles De Tolnay), chi per spiegare l’origine dell’idea di Piero ricorre all’antichissima preghiera: “Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te, tu sei  benedetta fra le donne e benedetto il frutto del tuo ventre, Gesù” (Paolucci).
La devozione verso la Vergine era molto diffusa nel territorio, tant’è che quando Piero iniziò il suo affresco in Santa Maria Momentana fu costretto a sovrapporlo a una precedente immagine della Madonna che allatta, iconografia collegata alla presenza in zona di fonti termali che si credeva potessero far tornare il latte alle puerpere; il culto risaliva all’antichità pagana, come testimoniano le statuette votive rivenute in loco. Attorno alla Santa Madre ruotava un mondo femminile che – alle prese con problemi di sterilità e di gravidanza – si rivolgeva a Lei per intercedere la grazia di avere figli maschi e sani, in un’epoca in cui la colpa dell’infertilità o della nascita di bambine andava tutta e solo alle donne, che correvano oltretutto il rischio di essere emarginate socialmente. Fu così che il capolavoro del pittore diventò – come era normale per quei tempi – una sacra icona a cui rivolgersi per protezione e conforto, avviando una venerazione talmente viva e partecipe che sarebbe durata nei secoli.
La maestosa e soprannaturale bellezza della Madonna del Parto restò fortunosamente immune dalle distruzioni degli uomini e della natura: nel XVIII secolo la chiesa fu parzialmente demolita per fare spazio al cimitero locale ma si decise di lasciare una cappelletta per custodire l’affresco; in seguito due terremoti – l’ultimo dei quali nel 1917 – danneggiarono parzialmente il dipinto che dovette essere temporaneamente rimosso. Ricollocata di nuovo al suo posto la Madonna arrivò intatta fino alla seconda guerra mondiale: a quel tempo Arezzo era battuta dai bombardamenti, e due alti funzionari dell’Università di Firenze e delle Gallerie fiorentine si diressero a Monterchi con un autocarro, per prelevare e portare al sicuro quel capolavoro dell’arte rinascimentale italiana. Quello che seguì è raccontato in uno bell’articolo di Piero Calamandrei sulla rivista “Il ponte”, marzo 1954: “Si sparse subito tra i paesani la voce che fossero tedeschi travestiti, venuti a rubare la Madonna: e invano andarono in cerca del podestà e del curato, che al primo annunzio del loro arrivo si erano squagliati per non farsi complici del trafugamento”. Alla fine trovarono una donna del posto in possesso della chiave, ma quella cominciò a strillare e a chiamare gente, che accorse e tentò di comperare i due presunti nazisti offrendo farina e prosciutti finché, visto che erano irremovibili, qualcuno andò a suonare le campane. “A quel richiamo” – continua l’articolo - “cominciò a radunarsi una folla sempre più minacciosa di paesani e di contadini armati di randelli e di zappe. Alla fine, i due carabinieri di Monterchi, richiamati dalle grida, riuscirono ad issare i due valentuomini sull’autocarro vuoto, che si mise in salvo a stento, riportando con sé, invece della Madonna, i primi assaggi di un carico di bastonate”.

Ormai le autorità avevano capito l’antifona e quando negli anni Novanta si trattò di fare un intervento di restauro, invece di trasportare l’affresco a Firenze fu deciso di allestire un laboratorio in un locale edificio scolastico in disuso, dove è tuttora visibile chiuso in una teca climatizzata. Ma la disputa non era finita. Dopo il restauro infatti, si aprì una lunga querelle tra il Comune di Monterchi, la Soprintendenza ai monumenti e la Diocesi di Arezzo, relativa al possesso dell'opera e alla scelta della sua sede definitiva, che doveva anche garantire una risposta ai bisogni di un culto ancora vivo. Si è anche costituito un comitato “La Madonna dei Monterchiesi”, che difende a spada tratta il dipinto come proprietà esclusiva della comunità e i cui componenti, quando è stato chiesto in prestito per una mostra a Montecitorio, hanno minacciato di incatenarsi alle porte del museo pur di non spostare di un millimetro il prezioso e delicato capolavoro di Piero. Il quale, in attesa della nuova collocazione – probabilmente in un convento - se ne sta tuttora nel suo involucro protettivo, pronto ad offrirsi all’ammirazione di tutti, comprese le donne in stato di gravidanza che – ovviamente – non pagano il biglietto.

Fonti: 
Pier Francesco Greci, La Madonna del parto, Centro studi aretini

Commenti

Post popolari in questo blog

La matrona romana e i suoi cosmetici

La cosmesi penetrò nell’antica Roma dopo la conquista della Grecia, e ancor di più delle provincie orientali, in specie Egitto e Asia Minore. Durante l’impero – epoca su cui abbiamo più testimonianze – arrivò a Roma un fiume ininterrotto di materie prime molto pregiate e sia i cosmetici sia le cure di bellezza diventarono di uso comune contagiando in alcuni casi anche gli uomini. Nonostante la forte opposizione di coloro che sostenevano la purezza e la semplicità dei costumi degli antenati, nessuno riuscì a impedire alle matrone  di far ricorso ad unguenti, profumi, creme e belletti, soprattutto perché neanche gli uomini si sottraevano alle cure del corpo. Per distinguere le normali e salutari attenzioni al proprio fisico dalla cosmesi, i romani vollero separare il vero dal falso denominando “ars ornatrix” le pratiche, tollerate e incentivate, che si occupavano della cura  del corpo, e “ars fucatrix” il trucco ingannatore. Le testimonianze sui cosmetici che ci sono pervenute sono tutt…

Nobiltà e miseria negli abiti veneziani del Rinascimento

In un periodo compreso tra il 1558 e il 1562, Paolo Veronese fu chiamato ad affrescare la villa dei Barbaro - una delle più importanti famiglie patrizie di Venezia – da poco costruita da Palladio sulle colline trevigiane.  All’interno della sala dell’Olimpo il pittore rappresentò Giustiniana Giustinian, moglie di Marcantonio Barbaro, con la vecchia nutrice, entrambe affacciate a un finto balcone secondo il gusto rinascimentale della prospettiva pittorica. Due donne, due classi sociali diverse, seppur unite nello stesso riquadro forse per il rapporto affettivo che legava la nobildonna all’anziana domestica; ma l’abbinamento nobiltà - servitù, fa altresì risaltare la sontuosa bellezza perlacea della Giustinian in confronto alla scura e grinzosa semplicità della sua compagna, più bassa di statura e piegata verso la padrona mentre l’altra, eretta, si presenta in tutta la sua maestà in una sala, forse non a caso, intitolata agli dei.  L’analisi dei vestiti e delle sembianze ci consegna non …

L'imperatore ha il naso a pera: parola di Arcimboldo

Spettacolari teste composte con prodotti della terra come fiori, frutti, cortecce, funghi, pannocchie; oppure realizzate incastrando tra loro molte specie di mammiferi, volatili, pesci, o componendo puzzle di oggetti come libri, lucerne, armi da fuoco: questa la produzione di Giuseppe Arcimboldo (o Arcimboldi), singolare artista lombardo di grande reputazione nel XVI secolo. Figlio di Biagio, pittore impiegato presso la Fabbrica del Duomo di Milano, si formò in un ambiente dove aveva soggiornato a lungo Leonardo da Vinci, lasciandovi in eredità l’amore per l’osservazione attenta della natura nelle sue infinite variazioni, non disgiunto dal gusto per la caricatura grottesca. Non sappiamo molto della giovanile attività di Giuseppe, se non le note lasciateci dal gesuita Paolo Morigia che lo definisce “pittore raro” e autore di “diverse bizzarrie”; il suo lavoro dovette però procurargli una certa notorietà anche fuori dalla penisola, tanto che nel 1562 partì alla volta dell’Austria su inv…