Passa ai contenuti principali

La pessima salute dello splendido re Sole

Settantadue anni, tre mesi e diciotto giorni: tale la durata del regno di Luigi Diodato XIV di Borbone, meglio noto come il re Sole. Il suo fu – per quei tempi - un record straordinario di longevità nella gestione del potere, portato avanti con una enorme forza di volontà sostenuta dalla convinzione totale della grandezza propria e della nazione che governava. Il programma di assolutismo del sovrano consistette nel dedicare ogni attimo della giornata a consolidare la sua egemonia e presentare sé stesso come il padre di tutti i suoi sudditi e monarca di potenza sovrumana paragonabile a Zeus e ad Apollo, divinità il cui splendore amava richiamare indossando abiti dorati e tempestati di gemme. Chi lo circondava ne amava la vitalità instancabile, l’enorme capacità di lavoro, i modi cortesi e controllati, mentre ne decantava con molta piaggeria il viso regolare, i lunghi capelli biondi, la bellezza fuori dall’ordinario. 
Il re volle inoltre rispecchiare la centralità della sua figura facendo costruire a Versailles un’enorme palazzo per il quale dilapidò una fortuna, circondandosi di un esercito di cortigiani – se ne contarono anche cinquemila – e di un numero doppio di addetti ai servizi. Le funzioni di questa piccola città erano scandite da un’etichetta rigorosissima e complessa – voluta dal re stesso – che era finalizzata a trasformare qualsiasi suo atto in un cerimoniale quasi sacro in cui lui si mostrava come su un perenne palcoscenico ai familiari, alle amanti in carica e a tutta la nobiltà adorante e plaudente. Basterebbe pensare ad esempio, al solenne risveglio mattutino del re quando nella camera da letto del sovrano - ai cui piedi dormiva sempre un valletto – entravano a turno e in parata per dare il buongiorno figli legittimi e illegittimi, nipoti, principi e principesse di sangue, medici, titolari del guardaroba reale, intendenti di vario genere, ministri, consiglieri e ufficiali, tutti rigidamente suddivisi per carica e genere d’importanza.
Nella realtà Luigi era molto diverso dall’immagine pubblica che ostentava: basso di statura e pelato, cercava di mascherare i difetti rialzandosi di una ventina di centimetri grazie ai tacchi alti e a una parrucca monumentale. Ma più che nell’aspetto fisico il suo punto dolente stava nella salute estremamente precaria: ce lo dimostra un opuscolo redatto puntigliosamente per cinquantotto anni dai medici di corte e intitolato "Le journal de la santé du Roi Luois XIV", in cui risulta che l'illustre paziente soffrì fin da bambino di ogni genere di patologie, superate non tanto grazie agli improbabili trattamenti che riceveva, quanto alla sua incredibile costituzione, e forse anche alla tenace volontà di vivere, che gli permisero di resistere sia alle malattie sia – è il caso di dirlo – alle cure a cui veniva sottoposto. La robustezza della salute di Luigi fu messa alla prova già all’età di nove anni, quando fu colpito dal vaiolo; a trentacinque, durante l’assedio di Calais, una febbre tifoide gli causò la totale perdita dei capelli e per poco non lo mandò all’altro mondo; a 47 anni fu sottoposto a una dolorosissima operazione chirurgica a causa di una fistola anale originata da un ascesso; a 48 fu colto dalla malaria, e nella vecchiaia dagli inevitabili acciacchi dell’età: reumatismi, gotta, coliche renali. 
Queste malattie principali erano collegate con una serie di disturbi minori che ci sono stati trasmessi in modo dettagliato: morbillo, blenorragia (che l’archiatra chiamava pudicamente “strano male” per salvare le apparenze) indigestione, tenia, dissenteria e costipazione, cisti al seno, malattie della pelle, mal di testa, febbre, vertigini, per i quali il re subì stoicamente ogni genere di pozioni, cataplasmi, purghe, salassi e molti clisteri.  Il clistere era considerato il rimedio principe del Seicento, dal momento che, secondo la credenza popolare, per un buono stato di salute occorrevano numerosi lavaggi interni; sembra che il re ne ricevesse più di duemila, usando anche accogliere visitatori e funzionari di corte mentre i medici glieli praticavano e facendolidiventare di moda in tutta la corte.

Lo scarsissimo stato di avanzamento della medicina del tempo – ancora nelle mani di ciarlatani o dottori a dir poco impreparati - non soccorreva certo il benessere del re Sole, mentre i suoi molti problemi erano causati anche dalla vita sregolata e sopra le righe che conduceva: per fare un esempio un aneddoto racconta che Luigi – forse per esporsi alla vista dalla gente e dimostrare di non temere raffreddori e bronchiti – viaggiava in carrozza col finestrino aperto con qualunque tempo o stagione. I suoi gravi disturbi digestivi erano causati dal formidabile appetito: all’ora di pranzo divorava quattro piatti di minestra, fagiano o pernice, prosciutto, castrato in umido, verdura, legumi, pasticcini, frutta e uova sode. La cena era altrettanto ricca e – come se non bastasse – in camera da letto aveva a disposizione altra carne fredda e dolci, nel caso si fosse svegliato con un languorino allo stomaco. L’eccesso di proteine animali – che gli avrebbe causato la gotta – aveva una motivazione culturale: si pensava infatti che la selvaggina fosse l’unico piatto veramente degno di un palato nobiliare, laddove pane, legumi, e più raramente il maiale, erano alla base della dieta popolare. 

Ulteriori complicazioni venivano dalla totale mancanza di igiene: è noto che a Versailles si viveva in uno stato di sporcizia assoluta e il “Journal” farebbe intendere che il re, dal 1647 alla sua morte, avesse fatto solo un paio di bagni, uno da bambino e l’altro da adulto, e solo perché soffriva di bromidrosi acuta, malattia dovuta ad un’eccessiva sudorazione accompagnata da un odore particolarmente acre, dovuto alla fermentazione dei batteri. L’incapacità dei medici faceva il resto: quando i regali denti, corrosi dalle carie, furono estirpati senza anestesia, l’operazione fu talmente energica che venne via anche un pezzo di palato; la terribile ferita fu curata con ben quattordici cauterizzazioni e ci sarebbero voluti mesi perché il paziente potesse ricominciare a mangiare con lo stesso ritmo di prima.

Le malattie di Luigi non erano una faccenda privata, ma una questione di stato. Non solo tutta la corte ne era al corrente, ma la nazione intera, resa edotta da opuscoli, giornali e poesie fatti circolare tra la gente: la gestione delle informazioni faceva parte – diremmo oggi - di una strategia di comunicazione che mirava a mobilitare la pietà popolare e a gridare al miracolo quando finalmente il re, evidentemente protetto dal Cielo, metteva in scena il suo corpo risanato. Preghiere, sacrifici e cerimonie di ringraziamento pubbliche completavano il culto attribuito alla monarchia e al sovrano. 
Nell’agosto del 1715 sua maestà cominciò a lamentarsi di un dolore alla gamba, scambiato all’inizio per sciatica e curato con vino e tisane, ma poi rivelatosi come una cancrena che lo portò alla morte pochi mesi dopo. Lasciava il suo regno in una disastrosa situazione economica e finanziaria, portatrice di una terribile crisi sociale, che circa settant’anni dopo avrebbe innescato la rivolta della nazione contro la monarchia. La sera del funerale – avvenuto quasi alla chetichella - tutto il popolo parigino, dimenticati gli anni dell’adulazione, festeggiò la fine della tirannia dissacrando le immagini di Luigi XIV e chiudendone il regno con un finale grottesco tra canti, lazzi e balli. Come voleva la tradizione dell’epoca il corpo fu smembrato e gli organi separati. Ciò che ne restò fu sepolto nella basilica parigina di Saint Denis, il sacrario dei re di Francia, ma le tombe furono profanate durante la Rivoluzione e la salma dell’augusto sovrano fu gettata in una fossa comune e in seguito divisa e dispersa. 

Fonti:

Commenti

Post popolari in questo blog

La matrona romana e i suoi cosmetici

La cosmesi penetrò nell’antica Roma dopo la conquista della Grecia, e ancor di più delle provincie orientali, in specie Egitto e Asia Minore. Durante l’impero – epoca su cui abbiamo più testimonianze – arrivò a Roma un fiume ininterrotto di materie prime molto pregiate e sia i cosmetici sia le cure di bellezza diventarono di uso comune contagiando in alcuni casi anche gli uomini. Nonostante la forte opposizione di coloro che sostenevano la purezza e la semplicità dei costumi degli antenati, nessuno riuscì a impedire alle matrone  di far ricorso ad unguenti, profumi, creme e belletti, soprattutto perché neanche gli uomini si sottraevano alle cure del corpo. Per distinguere le normali e salutari attenzioni al proprio fisico dalla cosmesi, i romani vollero separare il vero dal falso denominando “ars ornatrix” le pratiche, tollerate e incentivate, che si occupavano della cura  del corpo, e “ars fucatrix” il trucco ingannatore. Le testimonianze sui cosmetici che ci sono pervenute sono tutt…

Nobiltà e miseria negli abiti veneziani del Rinascimento

In un periodo compreso tra il 1558 e il 1562, Paolo Veronese fu chiamato ad affrescare la villa dei Barbaro - una delle più importanti famiglie patrizie di Venezia – da poco costruita da Palladio sulle colline trevigiane.  All’interno della sala dell’Olimpo il pittore rappresentò Giustiniana Giustinian, moglie di Marcantonio Barbaro, con la vecchia nutrice, entrambe affacciate a un finto balcone secondo il gusto rinascimentale della prospettiva pittorica. Due donne, due classi sociali diverse, seppur unite nello stesso riquadro forse per il rapporto affettivo che legava la nobildonna all’anziana domestica; ma l’abbinamento nobiltà - servitù, fa altresì risaltare la sontuosa bellezza perlacea della Giustinian in confronto alla scura e grinzosa semplicità della sua compagna, più bassa di statura e piegata verso la padrona mentre l’altra, eretta, si presenta in tutta la sua maestà in una sala, forse non a caso, intitolata agli dei.  L’analisi dei vestiti e delle sembianze ci consegna non …

L'imperatore ha il naso a pera: parola di Arcimboldo

Spettacolari teste composte con prodotti della terra come fiori, frutti, cortecce, funghi, pannocchie; oppure realizzate incastrando tra loro molte specie di mammiferi, volatili, pesci, o componendo puzzle di oggetti come libri, lucerne, armi da fuoco: questa la produzione di Giuseppe Arcimboldo (o Arcimboldi), singolare artista lombardo di grande reputazione nel XVI secolo. Figlio di Biagio, pittore impiegato presso la Fabbrica del Duomo di Milano, si formò in un ambiente dove aveva soggiornato a lungo Leonardo da Vinci, lasciandovi in eredità l’amore per l’osservazione attenta della natura nelle sue infinite variazioni, non disgiunto dal gusto per la caricatura grottesca. Non sappiamo molto della giovanile attività di Giuseppe, se non le note lasciateci dal gesuita Paolo Morigia che lo definisce “pittore raro” e autore di “diverse bizzarrie”; il suo lavoro dovette però procurargli una certa notorietà anche fuori dalla penisola, tanto che nel 1562 partì alla volta dell’Austria su inv…